Curatore fallimentare e ammissione al gratuito patrocinio

Per il caso in cui il fallimento sia parte di un processo, il curatore ha legittimazione esclusiva a proporre istanza per l’ammissione del medesimo al patrocinio a spese delle Stato, senza che il giudice delegato possa procedere d’ufficio all’attestazione della mancanza di disponibilità del “denaro delle spese”, di cui al D.Lgs. n. 115 del 2002, art. 144.   Cassazione civile, sezione prima, ordinanza del 19.11.2018, n. 29747 CondividiPost correlati:Ammissione al passivo fallimentare, curatore, eccezione di prescrizione del credito tributario maturata successivamente alla notifica della cartella, giurisdizione Gennaio 8, 2020 Revoca dell'ammissione al gra ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi