La logica formale entra nella giustizia amministrativa (Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, est. Bellomo): [(p <-> q) ^q] -> p

L’art. 76, comma 11, del D.P.R. n. 207/2010 deve essere interpretato nel senso che la cessione del ramo d’azienda non comporta automaticamente la perdita della qualificazione, occorrendo procedere a una valutazione in concreto dell’atto di cessione, da condursi sulla base degli scopi perseguiti dalle parti e dell’oggetto del trasferimento.

In ipotesi di cessione di un ramo d’azienda, l’accertamento positivo effettuato dalla SOA, su richiesta o in sede di verifica periodica, in ordine al mantenimento dei requisiti di qualificazione da parte dell’impresa cedente, comporta la conservazione dell’attestazione da parte della stessa senza soluzione di continuità.

 

Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, n. 3 del 3.7.2017

(Pres. Frattini, Est. Bellomo)

Condividi