Pervicace infondata resistenza in giudizio e totale soccombenza: condanna ex art. 96, comma 3, c.p.c., ad un decimo dell’importo controverso

La pervicace infondata resistenza in giudizio del convenuto, unitamente alla sua totale soccombenza, giustificano l’applicazione del terzo comma dell’art. 96 c.p.c., e perciò il convenuto deve essere condannato a pagare ad attore e terzo anche l’ulteriore somma che si stima equo di determinare in misura pari a un decimo approssimato dell’importo controverso, oltre interessi legali da oggi al saldo.   Tribunale di Milano, sentenza del 17.1.2019 CondividiPost correlati:Responsabilità aggravata ex art. 96 c.p.c.: requisito della totale soccombenza per essersi verificata soccombenza reciproca Giugno 6, 2017 La condanna ex art. 96 c.p.c., comma 3 è indipendente ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi