Rimessione in termini e stato di gravidanza

Non può essere accolta la richiesta di rimessione in termini, motivata da ragioni di carattere personale del difensore che abbia dedotto problemi di salute connessi allo stato avanzato di gravidanza ed abbia prodotto solo il certificato di nascita del figlio. L’art. 153, comma 2, c.p.c. è, difatti, norma di stretta interpretazione, in considerazione delle conseguenze che un uso improprio della rimessione in termini potrebbe determinare sul piano della imperatività e della stessa vigenza della legge, il quale inerisce alle attribuzioni proprie del legislatore. Il rimedio, dunque, presuppone che l’errore in cui sia incorsa la parte, e che abbia causato la decadenza, non le ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi