Provvedimento che definisce il giudizio non corrispondente interamente alla proposta conciliativa, gravi ed eccezionali ragioni per escludere la ripetizione delle spese sostenute dal vincitore, spese per l’assistenza dell’avvocato in mediazione

L’articolo 13 d.lgs. 28/2010 stabilisce, al secondo comma, che qualora il provvedimento che definisce il giudizio non corrisponda interamente al contenuto della proposta il giudice, se ricorrono “gravi ed eccezionali ragioni”, può comunque escludere la ripetizione delle spese sostenute dal vincitore per l’indennità corrisposta al mediatore, dovendo indicare esplicitamente nella motivazione le ragioni di tale provvedimento. Principio che non può non essere esteso, considerata l’obbligatorietà della fase di mediazione, alle spese che la parte deve sostenere per fruire dell’assistenza di un proprio difensore in tale fase. Ciò posto, la motivazione per ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi