Più probabile che non e preponderanza dell’evidenza: possono essere sufficienti probabilità minori rispetto al 50% + 1

La vitalità del criterio della c.d. evidenza del probabile nell’ambito del singolo processo e della singolare vicenda processuale non si risolve nella preponderanza dell’evidenza legata al criterio del “50% + 1” (tipico della cultura giuridica anglosassone), ma il giudice potrà giungere all’affermazione di sussistenza del nesso di causalità materiale anche in situazioni di probabilità minori (senza per ciò dar luogo ad ipotesi di “perdita di chance”), tenuto conto delle acquisizioni probatorie, sia in positivo, che in negativo, ossia come assenza di fattori alternativi plausibili.

Cassazione civile, sezione terza, sentenza del 27.07.2021, n. 21530

Condividi
Visualizza
Nascondi