Perfezionamento del deposito telematico degli atti processuali, esito negativo dei controlli successivi alla seconda PEC, errore non imputabile al depositante, impossibilità per il sistema di accettare il deposito, rimessione in termini

Il deposito telematico degli atti processuali si perfeziona quando viene generata, da parte del gestore di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia, la ricevuta di avvenuta consegna, e cioè la cosiddetta seconda PEC, la quale attesta l’ingresso della comunicazione nella sfera di conoscibilità del sistema giustizia. L’eventuale esito negativo dei successivi controlli telematici e manuali non fa venir meno l’effetto giuridico del deposito, ma determina al più la necessità di rinnovare la trasmissione delle buste telematiche. In particolare, la presenza di un errore, non imputabile al depositante, che provoca l’impossibilità per il ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi