Insinuazione al passivo fallimentare, eccezione di prescrizione presuntiva e giuramento decisorio

A fronte dell’insinuazione al passivo fallimentare di un credito maturato in forza di un rapporto riconducibile alla previsione dell’art. 2956 c.c., n. 2, eccepita dal curatore fallimentare la prescrizione presuntiva e deferitogli dal preteso creditore il giuramento decisorio, la dichiarazione del curatore di non essere a conoscenza se il pagamento sia avvenuto o meno, costituisce mancato giuramento. Cassazione civile, sezione prima, sentenza del 27.6.2022, n. 20602 20602Download CondividiPost correlati:Ammissione al passivo fallimentare, curatore, eccezione di prescrizione del credito tributario maturata successivamente alla notifica della cartella, giu ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi