Impugnazione entro 30 giorni “dalla sua comunicazione o notificazione”: la comunicazione deve avere ad oggetto il testo integrale della decisione, anche in caso di rito sommario di cognizione

Atteso che l’ordinamento conosce, già da prima della modifica dell’art. 45 disp. att. c.p.c. (attuata dal D.L. n. 179 del 2012, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 221 del 2012, con previsione di comunicazione integrale del testo dell’ordinanza ai sensi dell’art. 136 c.p.c.), ipotesi in cui la previsione della decorrenza di termini perentori per impugnare è ancorata alla mera comunicazione del provvedimento che ne è oggetto, va osservato che, allorquando la legge prevede per l’impugnazione della pronunzia il termine di 30 giorni “dalla sua comunicazione o notificazione”, stabilendo – in deroga al disposto di cui all’art. 326 c.p.c. – ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi