Fallimento, notifica a mezzo PEC non andata a buon fine, conseguenze

Ogni imprenditore individuale o collettivo, iscritto al Registro delle Imprese, è tenuto a dotarsi di indirizzo di posta elettronica certificata, D.L. n. 185 del 2008, ex art. 16, che costituisce l’indirizzo “pubblico informatico” che i predetti hanno l’onere di attivare, tenere operativo e rinnovare nel tempo sin dalla fase di iscrizione nel registro delle imprese, la cui responsabilità grava sul legale rappresentante della società. Ciò posto, la L. Fall., art. 15, comma 3, stabilisce che ricorso di fallimento e il decreto di convocazione devono essere notificati, a cura della cancelleria, all’indirizzo di PEC del debitore e quando ciò non r ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi