Domanda di rimozione di un’opera realizzata in esecuzione di una deliberazione dell’assemblea condominiale in aggiunta a quella originaria di impugnazione ex art. 1137 c.c.: domanda nuova inammissibile?

L’impugnazione di una deliberazione dell’assemblea di condominio, ai sensi dell’art. 1137 c.c., dà luogo ad un’azione, per così dire, “costitutiva-caducatoria”, che ha ad oggetto l’invalidità della decisione presa dall’assemblea e che vede quale unico legittimato passivo l’amministratore di condominio. L’azione, con la quale il condominio di un edificio chiede, invece, la rimozione di opere, che altro condominio abbia effettuato sulla cosa comune in violazione della disciplina dettata dagli artt. 1102,1120 e 1122 c.c., ha natura reale e deve essere proposta nei confronti di tutti gli altri partecipanti al condominio stesso, ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi