Difetto di comunicazione tra assistito ed avvocato, tardiva conoscenza del provvedimento da impugnare: rimessione in termini?

La rimessione in termini è possibile solo a condizione che la tardività della impugnazione sia dipesa da un fatto oggettivo ed incolpevole del quale la parte deve offrire puntuale e rigorosa dimostrazione. A tal riguardo non appare integrare l’errore incolpevole e giustificabile la circostanza meramente allegata del difetto di comunicazione tra l’assistito ed il suo avvocato da cui sarebbe dipesa la tardiva conoscenza del provvedimento da impugnare. Cassazione civile, sezione prima, ordinanza del 27.5.2020, n. 9945 Download CondividiPost correlati:Comunicazione telematica del provvedimento e termini per impugnare Luglio 3, 2018 Rito sommario di cognizione, provv ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi