Contratti di durata, azione di risoluzione, proponibilità

Nei contratti di durata, l’azione di risoluzione non è proponibile se la scadenza contrattuale, convenzionale o legale, sia già intervenuta, non potendosi provocare la cessazione di un rapporto già cessato; ove, peraltro, l’azione per la declaratoria della cessazione per intervenuta scadenza sia sub iudice, la domanda di risoluzione è ancora proponibile in quanto condizionata all’esito negativo del giudizio di accertamento. Tribunale di Milano, sentenza del 16.10.2019. n. 9438 CondividiPost correlati:Art. 145 Cod. Ass., azione risarcitoria diretta, preventiva richiesta del danno all'assicuratore, termine di 60 giorni, condizione di proponibilità dell'azione, ambito ap ..........

L'articolo completo e' riservato agli abbonati.
Login .:. Abbonati ora .:. Richiedi articolo
Visualizza
Nascondi