Avvocato (dunque abituato alle lentezze della giustizia) e con studio in centro: nessun pregiudizio apprezzabile da durata eccessiva del processo

Può affermarsi che la durata eccessiva di un processo non abbia provocato alcun pregiudizio apprezzabile alle parti, in mancanza di prova contraria, valutata la sostanziale irrisorietà della pretesa patrimoniale rispetto alle condizioni reddituali dei ricorrenti, trattandosi di avvocati titolari di studio situato nel centro elegante della città, tenuto anche conto proprio della loro qualità di avvocati, dunque abituati alle lentezze del sistema giudiziario [Corte di Appello di Napoli, sezione settima civile, decreto del 23.5.2019, n. 1826].

 

 

 

 

Condividi