Tag Archives: contributo unificato

Procedimenti esenti dal Contributo Unificato

Esenzione dal Contributo Unificato.

Si riporta un elenco di procedimenti e casi esenti dal contributo unificato.

 

  • FONDI E PROPRIETA’/EREDITA’
  • affrancazione di fondi enfiteutici (art. 10, legge 22 luglio 1966, n. 607);
  • procedimenti relativi ai c.d. «masi chiusi» (art. 35, legge 24 novembre 2000, n. 340);
  • Accettazione di eredità con beneficio di inventario
  • restituzione dei titoli nel procedimento esecutivo mobiliare ed immobiliare

 

  • AUTONOMIA PERSONALE, INTERDIZIONE, MORTE
  • Per i processi di cui al libro IV, titolo II, capi II, III, IV e V, del c.p.c.
  • interdizione e inabilitazione;
  • dichiarazione di assenza e dichiarazione di morte presunta;
  • minori, agli interedetti e agli inabilitati e amministrazione di sostegno;
  • protezione delle persone prive di autonomia (art. 46-bis disp. att. c.c.);
  • FAMIGLIA, MATRIMONIO E FIGLI:
  • procedimenti anche esecutivi su figli minori o su assegni di mantenimento dei figli minori
  • protezione contro gli abusi familiari
  • cessazione degli effetti civili del matrimonio
  • separazione e rapporti patrimoniali dei coniugi;

 

  • LAVORO E PREVIDENZA (esclusa Cassazione): Per le azioni individuali di lavoro, anche di pubblico impiego, e per le controversie di Previdenza ed assistenza obbligatorie, se il reddito imponibile ai fini IRPEF  non supera € 34.107,72 (il triplo del reddito per l’ammissione al Gratuito Patrocinio)
  • Procedure di Lavoro con i requisiti di cui all’art. 9 comma 1-bis TU o per esecuzione mobiliare o immobiliare  nei giudizi di lavoro.

 

  • DIRITTO DI ACCESSO: Per i ricorsi previsti dall’articolo 25 della legge 7 agosto 1990, n. 241 avverso il diniego di accesso alle informazioni ambientali di cui al D. Lgs n. 195/2005, di attuazione della direttiva 2003/4/CE sull’accesso del pubblico all’informazione ambientale

 

  • AZIONE CIVILE NEL PROCESSO PENALE: Nel caso sia richiesta solo la condanna generica del responsabile, senza richiesta di una somma per il risarcimento del danno

 

  • FALLIMENTI/PIGNORAMENTI:
  • Insinuazione tempestiva o tardiva nel passivo fallimentare
  • istanza di chiusura del fallimento
  • ammissione allo stato passivo nelle amministrazioni straordinarie
  • Istanza di conversione del pignoramento
  • Ulteriore rilascio di copia con formula esecutiva

 

  • GIUSTIZIA E AVVOCATI:
  • ricorso art 3 Legge Pinto (riparazione per eccessiva durata dei processi)
  • Procedimenti per correzione di errori materiali di sentenze e ordinanze
  • Riassunzione di processi interrotti, sospesi o cancellati presso il giudice originariamente adito
  • Ingiusta detenzione
  • Riassunzione processi interrotti, sospesi o cancellati
  • Iscrizioni dei giornali e periodici nel registro della stampa
  • risarcimento dei danni da esercizio delle funzioni giudiziarie
  • Procedimenti esecutivi per consegna e rilascio
  • conciliazioni stragiudiziali nella mediazione di controversie civili e commerciali
  • recupero dei crediti professionali da parte dei difensori d’ufficio

 

  • ALTRI PROCEDIMENTI:
  • procedimenti esenti da imposta di bollo o da ogni altra spesa di ogni genere
  • procedimenti in materia tavolare
  • rettifica stato civile
  • procedimenti avverso il servizio sanitario obbligatorio (art. 5, legge 13 maggio 1978, n. 180);
  • procedimenti contro decreto di espulsione straniero (art. 13-bis, D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286);
  • Procedimenti sul contenzioso elettorale (art. 127, D.Lgs. 2 luglio 2010, n. 104).

 

In tutti gli altri casi, puoi calcolare l’importo dovuto per il contributo unificato tramite la nostra utility di calcolo on line del contributo unificato.

Attivata la sezione Utility: calcolo per il contributo unificato 2015

E’ possibile calcolare il contributo unificato con una comoda utility della Rivista.

Vai nella sezione Utility

oppure clicca QUI.

————————

Leggi la news in formato PDF

Calcolo del Contributo Unificato 2015

Modulo di calcolo del Contributo Unificato aggiornato al
– D.L. n. 132/2014 (decreto giustizia), convertito con modificazioni dalla L. n. 162/2014
– D.L. n. 90/2014, convertito con modificazioni dalla L. n. 114/2014.

 Calcolo contributo unificato

» Materia processo
Civile e G.d.P. Amministrativa Tributaria

» Grado di giudizio:
Primo grado Impugnazione Cassazione

 » Valore controversia:
determinato in €:  
non dichiarato non determinabile
» Aumenti e riduzioni C.U.:
Riduzione del 50%   (in quali casi?)
Aumento del 50% (se il difensore non indica Pec e Fax, o se la parte non indica il c.f. nell’atto introduttivo)
Risultato:

Esenzione del contributo unificato

Consulta la raccolta schematica dei procedimenti esenti dal contributo unificato.

Casi in cui il contributo unificato è ridotto del 50%

  • Processi speciali di cui al libro IV, titolo I c.p.c.
  • Giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo;
  • Giudizio di opposizione alla sentenza dichiarativa di fallimento;
  • Opposizione alla sentenza dichiarativa di fallimento.
  • Controversie individuali di lavoro o di pubblico impiego, salvo quanto previsto dall’articolo 9, comma 1-bis. del DPR 115/2012) .

 

Link utili

- Contributo unificato sul sito dell’Agenzia delle Entrate

Vignetta: in arrivo aumento contributo unificato

Impugnazione inammissibile? Si paga una somma pari al contributo unificato.

Quando l’impugnazione, anche incidentale è respinta integralmente o è dichiarata inammissibile o improcedibile

Importi del contributo unificato in rapporto al valore della causa

Nell’allegato scaricabile cliccando qui vengono indicati i valori del contributo unificato aggiornati alle modifiche apportate dalla legge 24 dicembre 2012, n. 228 in vigore dal 1.1.2013.