LUDOVICI, Complessità della controversia ed incompatibilità con la cognizione sommaria cautelare: criticità di una decisione che non tiene conto del profilo del periculum in mora

1. Il fatto. – 2. La chiarezza e sinteticità degli atti processuali. – 3. La sommaria cognizione e la sua compatibilità con un complesso accertamento: rilevanza del profilo del periculum in mora. – 4. Applicazione del principio al rito cautelare uniforme ed al processo sommario di cognizione. – 5. Conclusioni.

Scarica qui il contributo di Gianluca LUDOVICI

 

Condividi