Monthly Archives: giugno 2013

Schema: udienza di discussione avanti al giudice d’appello del lavoro

(art. 437 c.p.c.)

Schema di Giulio SPINA

Scarica qui lo schema >>

Emanuela Palamà: intervista video al Forum Nazionale dei Mediatori

L’avv. Emanuela Palamà, componente del Comitato di Redazione de La Nuova Procedura Civile, é stata ospite al V Forum Nazionale dei Mediatori svoltosi il 28 giugno presso la Camera dei Deputati. Per la rivista, oltre all’avv. Palamà era presente anche l’avv. Andrea Giordano.

La parte reclamata, senza proporre reclamo incidentale, può far riesaminare dal giudice dell’impugnazione eccezioni assorbite o risolte sfavorevolmente?

La parte reclamata non è tenuta a proporre reclamo incidentale sulla questione di giurisdizione giacchè (applicandosi al reclamo

Iscrizione delle delibere assembleari: il Conservatore del registro esercita un mero controllo formale e non deve (quasi) mai entrare nel merito.

Il Conservatore del registro è tenuto all’iscrizione della deliberazione di revoca e nomina di amministratore ai sensi degli artt. 2463, 2329 e 2330 c.c.

Disconoscimento di riproduzioni meccaniche: come e quando opera

Il disconoscimento delle riproduzioni meccaniche di cui all’art. 2712 c.c., che fa perdere alle stesse la loro qualità di prova, pur non essendo soggetto ai limiti e alle modalità di cui all’art. 214 c.p.c., deve

La Nuova Procedura Civile n. 3/2013: questi i titoli in copertina.

E’ in fase di stampa il n. 3/2013 della rivista bimestrale La Nuova Procedura Civile.

Schema: udienza per l’autorizzazione della vendita avanti al giudice dell’esecuzione – espropriazione immobiliare

ex art. 569 c.p.c.

Di Giulio SPINA

Scarica qui lo schema >>

 

Opposizione dopo la convalida di sfratto: mezzo di impugnazione speciale e divieto di domande nuove.

Il giudizio di opposizione tardiva alla convalida di sfratto, ex art. 668 c.p.c., ha natura di mezzo di impugnazione speciale, che si articola in una duplice fase

Tavola sinottica: ecco come cambia la riscossione dei tributi dopo il Decreto del fare.

Di Maurizio VILLANI e  Iolanda PANSARDI

Scarica qui la tavola sinottica >>

Obbligazione del creditore di prestare il proprio consenso alla cancellazione dell’ipoteca: riparto dell’onere probatorio.

L’obbligazione del creditore di prestare il proprio consenso alla cancellazione dell’ipoteca, una volta che il debito si è estinto, riveste natura contrattuale